Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_amsterdam

Presentazione del «Meridiano» di Sandro Penna

Data:

15/02/2018


Presentazione del «Meridiano» di Sandro Penna


Presentazione del «Meridiano» di Sandro Penna

 

Il prof. Deidier, curatore del «Meridiano» dedicato a Sandro Penna, illustrerà il volume che raccoglie l’opera completa del poeta perugino, delineando gli aspetti fondamentali della sua poesia, delle prose e dell’ambiente culturale in cui visse. A conclusione si leggeranno alcuni testi in italiano e in traduzione.

Sandro Penna (Perugia, 1906 - Roma, 1977) è uno dei più importanti poeti del Novecento europeo. Il suo esordio letterario, sollecitato da Saba, è del 1939 con il libro Poesie cui seguono Appunti, 1950; Una strana gioia di vivere, 1956; Croce e delizia, 1958; Stranezze, 1976; Il viaggiatore insonne, 1977. Rilevante, sebbene marginale, anche il lavoro in prosa, raccolto in Un po’ di febbre (1973). La sua poetica prevede un realismo mai messo in discussione con una lingua, invece, altamente selettiva, quasi snobistica; mentre la tematica fondamentale è sempre rimasta quella del desiderio erotico come segno d’un amore incondizionato per la vita.

Roberto Deidier è professore ordinario di Letterature comparate nell’Università di Enna ‘Kore’. Molte le sue pubblicazioni sul Novecento e in particolare su Penna di cui ha anche curato gli epistolari, l’edizione critica di Il viaggiatore insonne (2002) e il «Meridiano» Poesie, prose e diari (2017).

Gandolfo Cascio è assistant professor di Letteratura italiana e Translation Studies all’Università di Utrecht. Si occupa in modo particolare di poetica e ricezione estetica. Il suo ultimo libro è Un’idea di letteratura nella «Commedia» (2015). Ha tradotto le poesia di Sandro Penna incluse nell’antologia De beste jeugd. Tweetalige bloemlezing van moderne Italiaanse homo-erotische poëzie (2014).

Informazioni

Data: Gio 15 Feb 2018

Orario: Dalle 20:00 alle 21:00

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

1073